Come Trovare un Driver

Come Trovare un Driver

28 Apr, 2016
admin
No Comments

Quando succede di formattare il computer bisogna installare,dopo il sistema operativo,tutti i driver delle periferiche (o componenti hardware) che sono installati all’interno del nostro PC.

Normalmente si dispone dei CD dei componenti hardware più importanti,quali:scheda madre,scheda video (per quelle dedicate),scheda audio (attualmente quasi tutte le schede vengono integrate nella scheda madre) e altro.

Se si perdono questi CD diventa,per i meno esperti,un po’ più difficile far funzionare correttamente le periferiche che sono inserite all’interno del case. Driverstock è un sito che possiede un’enorme database per cercare i driver di pc fissi,notebook,netbook,scanner,schede madri,aggiornamenti del BIOS e per tante altre periferiche:

utilizzarlo è semplicissimo:basta cercare il driver richiesto scegliendo una delle tantissime categorie che ci mette a disposizione il sito,si può scegliere la marca del produttore,selezionare il driver della periferica,aspettare il conto alla rovescia e successivamente inserire il codice per procedere con il download.

Servizio web molto utile perchè in caso di perdita o di mancanza del CD o di qualche driver,Driverstock ci risolverà tutti i problemi in fretta è soprattutto gratuitamente.

Come Cambiare Server DNS Velocemente

14 Apr, 2016
admin
No Comments

Qualche tempo fa Google ha introdotto i suoi nuovi server DNS chiamati Public DNS,molti utili per accelerare la navigazione sul web.

Avendo visto tutta la procedura da eseguire (che in realtà non era niente di eccezionale essendo molto semplice),subito dopo uscì DNSJumper,piccolo programmino con il quale è possibile scegliere ed impostare diversi server DNS alternativi a quelli di Google.

Ma se volessimo utilizzare un software che ci imposti o che ci ripristini solo e soltanto i server DNS di Google e quelli di default del nostro servizio che ci offre il collegamento ad internet?

Per fare ciò dovremo utilizzare Google DNS Jumper,un software standalone leggerissimo (pesa solo 89 kb) che necessita dell’installazione di .NET Framework per il suo corretto funzionamento.Una volta aperto sarà possibile visualizzare il server DNS corrente con la possibilità di passare in un solo clic a quello di default assegnato noi dal nostro provider.

Per passare ai server DNS di Google basterà cliccare su Switch to Google DNS,per ritornare ai server DNS classici basta cliccare su Restore DNS,niente di più semplice.

Google DNS Jumper è compatibile e può essere utilizzato su tutti gli OS Windows.

Programmi per Gestire i Progetti

28 Mar, 2016
admin
No Comments

Tutti sappiamo benissimo che perdere tempo non fa per nulla bene specialmente quando si hanno tanti lavori da fare e da consegnare entro breve. Per perdere meno tempo è buona abitudine organizzare i propri progetti per poter così realizzare prima quelli più urgenti e poi quelli di minor importanza. Inoltre, altro punto forte di una buona organizzazione, è la possibilità di trovare subito quel che cerchiamo senza perdere del tempo utile. Pertanto perchè non procediamo ad organizzare il nostro tempo, magari utilizzando uno strumento gratis come InTask Personal.

InTask Personal permette di gestire e organizzare al meglio i propri progetti risparmiando tempo e rendendo il lavoro più produttivo. L’applicazione  è semplicissima da usare e gratis e fa proprio bene il suo lavoro.

intask

Infatti può ordinare i propri progetti in base alla priorità, raggrupparli secondo precisi schemi, mettere in evidenza i più importanti e molto altro ancora. Inoltre è possibile esportare in PDF, Excel, HTML, RTF, i rapporti di lavoro ottenuti.

Un ottimo software quindi da provare sicuramente se si vuole dare un pò di ordine al proprio lavoro e al proprio tempo.

Visualizzare Caratteristiche Hardware del Computer

20 Mar, 2016
admin
No Comments

Quando si acquista un nuovo computer ovviamente si fa riferimento alle caratteristiche che esso dispone e ai vari componenti hardware installati e presenti all’interno.

Se magari non si conosce ancora alla perfezione e nel dettaglio tutte le caratteristiche del proprio PC allora è la volta di utilizzare un programma gratuito,chiamato System Informaion Viewer grazie al quale tramite una sola interfaccia grafica potrete scoprire di tutto e di più e conoscere nel dettaglio massimo informazioni relative al sistema in uso,alle risorse hardware di cui si è in possesso e molto altro che vedrete descritto più in basso.

system

Trattandosi di un applicativo Windows portable,esso non richiede installazione per utilizzarlo perciò basterà scaricare il tool da questo indirizzo e lanciarlo.Compatibile con tutti i sistemi operativi Windows, SIV visualizza tantissimi dettagli e informazioni sul PC in cui è in esecuzione.

Con lo sguardo degli occhi è possibile vedere le varie periferiche installate nel PC,informazioni complete su Windows,porte USB,informazioni relative alle connessioni di rete,sui volumi disco,dettagli su reti Wi-Fi e tanto altro.

Anche se in precedenza abbiamo già visto dei programmi simili,l’applicazione SIV l’ho voluta recensire per il suo grande bagaglio tecnico di informazioni che riesce a fornire,che per gli utenti,sono di vitale importanza per riconoscere a pieno fondo il proprio computer.

SIV a differenza di altri programmi e utility simili visualizza anche informazioni sulle periferiche connesse,slot,BUS e altri dispositivi collegati e letti nel sistema Windows.Nel dettaglio vengono illustrati anche loghi relativi alla CPU in uso,all’OS in uso e vengono definite le velocità effettive in tempo reale del consumo del PC in volta,temperatura,velocità processore.

Cliccando su uno dei pulsanti presenti nell’interfaccia è possibile passare alle info avanzate riguardanti file di cache,paging,server DNS,processi e tanto altro ancora.Nell’ambito relativo alla rete e periferiche internet si possono visualizzare domini,utenti,server.

SIV è un applicazione utilissima agli utenti più esperti che non si limitano a scoprire solo i componenti principali del PC ma che,da veri esperti,voglio conoscere nel dettaglio massimo tutte le informazioni inerenti a computer con installato Windows.

Come Fare un Reclamo Vodafone

18 Mar, 2016
admin
No Comments

Vodafone è uno dei principali operatori telefonici in Italia, con milioni di clienti.

Con un numero così elevato di clienti è normale che possano presentarsi problemi e che questi non sempre vengano risolti nei tempi previsti.
In questa guida spieghiamo quindi come fare reclamo Vodafone.

La prima cosa da fare è sicuramente chiamare il numero 190.
Si tratta del numero del servizio assistenza clienti Vodafone, tramite il quale è possibile parlare con un operatore e ottenere risposte su problemi relativi a telefonia e servizio di connessione alla rete.

In alternativa, è anche possibile utilizzare il sito ufficiale.
Sul sito è infatti disponibile uno strumento con cui è possibile comunicare con un operatore.

Nel caso in cui non si ottenga una risposta, è possibile procedere con un reclamo.
Il reclamo deve essere inviato tramite raccomandata al seguente indirizzo.
Vodafone BV
Ufficio Reclami
Casella Postale 190
10015 Ivrea (Torino)

Per scrivere la lettere è possibile utilizzare questo modello presente sul sito Documentiutili.com.
Si tratta di un documento in formato Doc che può essere modificato inserendo i propri dati e le informazioni sul motivo del reclamo.

Risulta essere importante indicare in modo molto preciso i motivi per cui si invia il reclamo e specificare che si è già tentato di contattare il servizio clienti.

I motivi del reclamo possono essere diversi e includono contestazione della bolletta, reclamo per servizi telefonici non richiesti, disservizi telefonici e mancanza della connessione di rete.

Se Vodafone non risponde al reclamo, è possibile rivolgersi a un’associazione dei consumatori per iniziare una pracita di conciliazione.
L’associazione invierà quindi una domanda di conciliazione a Vodafone che sarà analizzata da una commissione.

In alternativa, se non ci si vuole rivolgere a un’associazione dei consumatori, è possibile avviare la conciziazione tramite il Comitato Regionale per le Comunicazioni.
Una volta richiesta la conciliazione, bisogna aspettare trenta giorni.
Passato questo periodo di tempo, si dovrebbe ottenere una risposta definitiva.